#restate a casa e cantate l’Italiano vero!!

C’è una ragazza che si sporge dal balcone di casa, a Wuhan, e nella notte illuminata dalle luci dei grattacieli chiede agli sconosciuti vicini di uscire e di far sentire che stanno bene.

A distanza di due mesi, in Italia, si cerca di imitarla con una iniziativa governativa o simile, e l’iniziativa si ripete per una settimana, tutti i santi giorni, per chiedere alla gente di stringersi in un abbraccio virtuale. Tutti a gridare che andrà tutto bene, a cantare l’Inno di Mameli, suonare uno strumento, ballare una polka, che altro?

E dovrebbe essere la stessa cosa? Da una parte una ragazza sola, effettivamente triste e angosciata per la sua condizione, che chiede conforto a chiunque possa rispondere e farla sentire meno sola, dall’altra una iniziativa nazionale, spinta dal governo e da una pletora di pseudo-artisti. E questo fa veramente sentire gli italiani meno soli? Meno depressi, meno disperati? Perché te lo dice il Presidente del Consiglio e Fiorello, che cantando Fratelli d’Italia, troverai i fratelli che non sapevi di avere?

Io sento solo che quando questa emergenza finirà, e quindi direi in meno di un mese da oggi, non sarà cambiato nulla nel animo delle persone, perché il cuore non è scemo e non si fa abbindolare in una cerimonia di piazza ordinata in TV o su un social.

Credo che sia e me ne rimarrà solo, l’ennesimo tentativo, riuscito, di addormentarci con dei buoni sentimenti acquistati a buon mercato, illusi di poter fare delle manifestazioni spontanee all’interno dei severi paletti del #restate a casa.

Non solo, perché, alla terza manifestazione della serie si arriva a chiamarla Flash mob! Flash mob? Il flash mob è per ovvie ragioni di termini una “mobilitazione fatta in maniera veloce e inattesa”; questa è una mobilitazione di persone che non si trovano in nessun posto in comune e, che non può dirsi flash se è conosciuta da tutti con due giorni di anticipo.

Ma l’uso delle parole flash mob non è casuale, ha un’utilità comunicativa: serve per far sentire la gente ancora più illusa di essere libera di muoversi, di agire, di fare come si vuole. Ma l’ho detto, è un’illlusione. L’ennesimo sfruttamento dell’intelligenza dei topolini in gabbia perché si illudano di stare usando il proprio cervello.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “#restate a casa e cantate l’Italiano vero!!

  1. ammetto che a marzo fui molto ottimista sulla data di fine emergenza. Siamo a fine aprile e, nonostante si parli di inizio fase 2 per il 4 maggio, il clima sociale non è cambiato. Continuiamo ad attendere

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.